Come aumento le iscrizioni alla newsletter? Guida al freebie perfetto

Tempo di lettura

9

minuti

parliamo di

I nostri consigli per creare un freebie di valore che converte i visitatori del sito in contatti

Come tanti altri termini inglesi utilizzati in ambito web, anche la parola freebie ha fatto il suo ingresso nei dizionari italiani e nel linguaggio codificato del marketing digitale. 

In questo articolo, capiremo cosa sono i freebie e perché sono così efficaci nel coinvolgere il pubblico e generare nuovi contatti per qualsiasi brand.

Che cos’è esattamente un freebie? La definizione perfetta, a mio avviso, è quella del Cambridge Dictionary: something that is given to you without you having to pay for it, especially as a way of attracting your support for or interest in something.

Come si evince da queste poche righe, il freebie non è un semplice regalo: è un contenuto gratuito che viene offerto in cambio di un’azione specifica, come ad esempio l’iscrizione alla newsletter da parte dell’utente.

Non è un caso che il freebie sia uno dei principali lead magnet del mondo digitale, un tassello fondamentale del funnel di acquisto (che abbiamo approfondito in un post del blog che illustra le fasi TOFU, MOFU e BOFU) che è utile soprattutto in quelle prime fasi in cui il potenziale cliente vuole conoscerti e capire se si può fidare di te e della tua offerta. 

Proprio come nell’episodio in cui Willy il Coyote cerca di attirare Beep Beep con una calamita gigante, i freebie agiscono come magneti digitali nei confronti del pubblico di navigatori e navigatrici. Con la differenza che lo sfortunato personaggio dei Looney Tunes non riesce mai ad acchiappare la sua preda, mentre i contenuti gratuiti – se efficaci – sono in grado di coinvolgere il tuo pubblico e portare conversioni.

Chiarito l’obiettivo generale dei freebie, ci tengo a fare una considerazione personale: fare leva su questi contenuti come merce di scambio, offrire X in cambio di Y, non deve in nessun modo diventare una pratica ingannevole.

Il freebie dovrà fornire un valore tangibile al pubblico per incentivare l’azione desiderata. In questo post, vediamo come un freebie sia assolutamente funzionale per ottenere più iscrittə alla mailing list. Come prima cosa, dovrà essere un contenuto di qualità e non uno specchietto per allodole, ed essere descritto in modo chiaro e onesto prima che lo scambio download-contatto email avvenga. Anche perché, al di là della correttezza nei confronti del proprio target, qui entra in campo un’altra dinamica fondamentale del marketing, quella della fiducia che abbiamo esplorato in questo articolo.

freebie ebook e libri

Tipologie di freebie

Non esiste un unico tipo di freebie, ma diversi contenuti o formati digitali che potrai offrire ai tuoi lettori e lettrici  in cambio dell’iscrizione alla newsletter.

  • Ebook
    Gli ebook sono una delle forme più comuni di freebie utilizzate dai marketer digitali. Si tratta di manuali scaricabili che forniscono informazioni approfondite su un determinato argomento di interesse per il tuo pubblico. Come dicevo prima, è bene che gli ebook siano ricchi di contenuti, forniscano informazioni utili e condividano conoscenze al passo coi tempi. Mantenere le promesse fatte in fase promozionale e rispettare le esigenze del tuo pubblico sono i presupposti fondamentali nel momento in cui decidi di scrivere un ebook e offrirlo gratuitamente sul tuo sito.
  • Video tutorial
    I video tutorial sono un’altra forma popolare di freebie che possono essere utilizzati per coinvolgere il pubblico e dimostrare il valore del tuo marchio. Sono particolarmente efficaci se operi in un campo tecnico e devi mostrare ai potenziali clienti come risolvere un problema o raggiungere un obiettivo specifico utilizzando i tuoi prodotti o servizi.
    La qualità di queste istruzioni in formato video deve passare dalla cura del girato, del montaggio e dell’audio.
  • Webinar e seminari online
    I webinar e i seminari online sono un ottimo modo per dimostrare la tua esperienza nel settore e stabilire una connessione personale con il tuo pubblico. Ciò che offrirai, in questo caso, non sarà un prodotto tangibile da consultare senza scadenze, ma un momento live che ti permetterà di dispensare conoscenze utili ai partecipanti e dimostrare la tua professionalità.
  •  Trial e sconti
    Le prove gratuite sono un tipo più generico di magnet, non propriamente dei freebie perché il regalo in questione è soltanto temporaneo. Ciò che offri al tuo pubblico sarà l’opportunità di provare i tuoi prodotti o servizi per un periodo di tempo limitato (oppure con solo alcune feature attive). Prove gratuite e sconti (ideali se hai un ecommerce) sono un’ottima occasione, se la tua offerta è effettivamente valida, di convertire in un secondo momento il tuo target in clienti paganti e aumentare le vendite complessive.

Considera che non sei obbligatə a scegliere un’unica tipologia di freebie per attirare il tuo pubblico ideale e generare nuovi e nuove iscrittə alla tua newsletter. Puoi pianificare, per esempio, una strategia di freebie che includa ebook, tutorial video e sconti. Questo perché è probabile che il tuo target, per quanto condivida determinati interessi, abbia diverse preferenze a livello di formati: c’è chi ha tempo e ama leggere, chi invece preferisce video brevi da impostare a 2x. 

newsletter

Perché i freebie aumentano le iscrizioni alla newsletter?

Ora che ti ho illustrato le varie tipologie di freebie che puoi scegliere per la tua strategia, la domanda sorge spontanea: qual è la connessione diretta tra freebie e newsletter? Perché è una combo che funziona? 

Ci sono diversi motivi per cui i freebie sono così efficaci nel generare nuove persone iscritte alla tua newsletter, alcuni più ovvi, altri meno immediati ma altrettanto importanti. Vediamoli insieme.

  1. La gratuità: se offri contenuti gratuiti di alta qualità, dimostri al tuo pubblico che sei dispostə a dare prima di chiedere. Questo aiuta a costruire fiducia e credibilità con le potenziali persone iscritte.
  2. L’incentivo: i freebie forniscono un incentivo concreto per l’iscrizione alla tua newsletter. È davvero banale come considerazione, ma le persone sono più propense a fornire le proprie informazioni di contatto se ritengono di ricevere un beneficio tangibile in cambio. 
  3. L’engagement e la fidelizzazione del target: utilizzando freebie mirati, rilevanti e soprattutto coerenti, puoi attirare esattamente il tipo di pubblico che potrebbe essere interessato ai tuoi prodotti o servizi. Questo ti consente di generare lead di qualità e ottenere un database di contatti caldi, che saranno più propensi a leggerti al prossimo invio della newsletter.
  4. La ricondivisione: lo scopo ultimo e più elaborato dello scambio freebie-iscrizione alla newsletter è quello di trasformare gli utenti in brand ambassador. Se il tuo freebie è veramente utile e di alta qualità, è possibile che il pubblico lo condivida con i propri contatti e sulle piattaforme social, aumentando ulteriormente la visibilità del tuo sito e generando nuove iscrizioni.

Analisi, ricerca e promozione

La conoscenza approfondita del tuo pubblico, come avrai intuito dagli ultimi punti di questa lista, è fondamentale.

Analizza i dati esistenti sul tuo sito per avere le idee più chiare su ciò che interessa il tuo target, sui prodotti e servizi più acquistati. Interagisci con il tuo pubblico per scoprire di cosa ha realmente bisogno e cosa potrebbe considerare abbastanza prezioso da convincerlo a condividere la propria email.

Non dimenticare poi che alcune sezioni del tuo sito, come le FAQ, possono darti numerosi spunti per la creazione di freebie utili a rispondere ai dubbi dei tuoi utenti. Infine, fai ricerca per capire quanto sia già stato detto sull’argomento che vuoi trattare nel tuo freebie e se hai le capacità di dare un contributo nuovo e di reale valore sul tema.

In definitiva, procedi con cautela prima di entusiasmarti alla prima idea che ti balena in testa.
Non è scontato il successo di un ebook di ricette se vendi prodotti alimentari, così come non è ovvio che, se ti occupi di grafica, un video tutorial per eliminare lo sfondo dalle immagini possa fruttare tante iscrizioni alla newsletter. Perchè? Banalmente, su YouTube ormai puoi trovare tutte le ricette che vuoi, e il tutorial potrebbe averlo già fatto qualcuno prima (e meglio) di te.

La potenziale diffusione di un freebie e il conseguente aumento degli iscritti e delle iscritte alla tua newsletter è un meccanismo meno semplice di quanto sembri: ma non ti scoraggiare!

Immagina e tratta il tuo freebie proprio come se fosse uno dei prodotti o servizi che vendi. Non avrà necessariamente bisogno di un’intera pagina dedicata sul tuo sito, ma dovrai comunque dargli la giusta visibilità e fare una promozione chiara e trasparente.

Utilizza tutti i tuoi canali per promuovere il tuo freebie: puoi creare un carosello o un Reel su Instagram, descrivere il regalo su Facebook, scrivere un post dedicato sul blog. Non aver paura di eccedere con i dettagli in questa fase promozionale. Pubblica estratti, illustra la scaletta dell’ebook, crea delle preview o dei trailer del contenuto video. Se ci pensi, prima di acquistare un romanzo in libreria leggerai la trama sulla quarta di copertina. Fai lo stesso con il tuo freebie; e mi raccomando: esplicita chiaramente che il regalo in questione si otterrà soltanto iscrivendosi alla newsletter.

scrivere al computer

Configurazione, automazione e monitoraggio

Il tuo freebie è pronto e la promozione sui tuoi canali di comunicazione programmata? Bene, ora non ti resta che integrare il contenuto alla newsletter  e creare un percorso fluido ed efficace che ti aiuterà a ottenere nuovə iscrittə.

Come prima cosa, crea un form di iscrizione coinvolgente sul tuo sito. Puoi farlo su una landing page dedicata e/o convertire questa CTA in un banner che puoi inserire in determinate pagine del sito, dalla home a un post del blog dedicato all’argomento in questione.

Il form deve essere semplice e chiaro da compilare, riportare i dettagli del contenuto che l’utente riceverà una volta lasciato il contatto e catturare l’attenzione del tuo pubblico anche da un punto di vista estetico.
Puoi cogliere l’occasione per spendere qualche parola sulla tua newsletter: ogni quanto la invii? Cosa contiene? Spesso aggiungere queste informazioni può essere utile per far capire all’utente intenzionato allo scambio che non sarà sommerso da email quotidiane di vendita dei prodotti, ma riflessioni e approfondimenti utili a cadenza mensile.

Dal punto di vista tecnico, il nostro consiglio è di non rinunciare alla sicurezza del tuo sistema di invio newsletter: implementa il double opt-in per assicurarti che le email inserite dai navigatori siano reali e corrette e tenere pulita la tua lista da eventuali attacchi spam. Se hai dubbi a riguardo, non esitare a contattarci.

Una volta che chi visita il tuo sito si è iscritto alla tua newsletter, è importante configurare l’automazione del freebie in modo che venga inviato automaticamente alle persone iscritte. Potrai gestire queste automazioni direttamente dal mailer che utilizzi (Mailchimp, MailerLite, ecc.) e creare un percorso ben oliato che dovrai solo monitorare. 

Per rendere l’esperienza delle persone iscritte ancora più speciale, ti consigliamo di personalizzare il messaggio di benvenuto che riceveranno insieme al freebie. La thank you email automation è un’occasione da non sprecare per ringraziare gli utenti iscritti; così facendo, ridurrai la distanza tra te e loro: li farai sentire parte del tuo progetto e avranno la percezione di aver aperto un canale diretto ed esclusivo con il tuo brand.

Ora non ti resta che monitorare e ottimizzare le prestazioni delle iscrizioni e degli invii nel tempo. Puoi farlo con l’A/B testing o utilizzando plugin analitici forniti dal tuo strumento di automazione per tracciare le metriche chiave, come il tasso di conversione e il tasso di apertura. Le modifiche che potrai fare, nel caso in cui i risultati non fossero soddisfacenti, dipendono da tutti i fattori illustrati in questo articolo: dalla qualità del tuo freebie al form di iscrizione, passando dal tono di voce che hai adottato per promuovere il contenuto gratuito.

email e newsletter

La tripletta di freebie di Way

Permettimi di chiudere questo post con una rapida carrellata dei freebie che puoi portarti a casa gratuitamente iscrivendoti alla nostra newsletter. Sono tre ebook che abbiamo scritto negli ultimi anni con la giusta cura, approfondendo tematiche a noi care e legate alla nostra professione.

Way Starter Kit: distinguiti dalla massa e crea la tua brand identity di successo è il nostro biglietto da visita, un manuale sulla brand e visual identity che ci permette di trasmettere la nostra personale visione del web design a chi ancora non ci conosce. Non siamo i primi e non saremo di certo gli ultimi a offrire un contenuto di questo tipo in cambio dell’iscrizione alla newsletter, ma crediamo sia un ottimo contenuto per capire l’importanza di una brand identity coerente. Dentro Way Starter Kit trovi tanti esempi pratici ed esercizi utili per muovere i primi passi nella creazione di un brand efficace e in grado di attrarre un target ben definito.

Oggi l’intelligenza artificiale è una tecnologia realmente esistente e in continua e rapida evoluzione; la sua integrazione nel mondo del business non è più fantascienza, ma è un qualcosa di attuale e inevitabile. Proprio per questa ragione io e Alessandro abbiamo scritto un ebook, sempre scaricabile gratuitamente se ti iscrivi alla newsletter di Way, dal titolo AI: la tua chiave per il successo online.
All’interno del manuale approfondiamo i tanti tool o plugin in grado di automatizzare le attività online, migliorare l’esperienza dei clienti in fase di acquisto e, di conseguenza, far vendere di più.

La checklist completa del GDPR: proteggi la tua attività online è una guida strategica di cui siamo particolarmente fieri, proprio perché riteniamo sia un tema molto importante per tutti gli imprenditori o professionisti che operano nel digitale. In questo manuale gratuito illustriamo passo passo tutti gli elementi che non devono mancare su un sito web per essere a norma con il GDPR (ed evitare così possibili sanzioni) e diamo consigli e strumenti utili per proteggere la propria attività e preservare la fiducia dei clienti.

Freebie ebook

Bene, speriamo che questo articolo ti abbia fatto venire voglia di iscriverti alla nostra newsletter e scaricare uno dei nostri manuali gratuiti, ma anche e soprattutto di progettare il tuo primo freebie o di impostare una strategia. Se hai bisogno di una mano, sai dove trovarci 😉

Picture of Anna
Anna
Founder di WAY, esperta di grafica, ux e web design
parliamo di

ti è piaciuto il post?

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti

L'avvento dell'intelligenza artificiale mette a rischio la professione dei SEO specialist? Approfondiamo il tema della SEO ai tempi dell'AI.
Migliora la gestione del tuo sito aggiungendo utenti su Google Search Console. Massimizza la sicurezza e l'efficacia con i nostri consigli
Come coinvolgere e intrattenere gli utenti? Puntando alla gamification per il tuo sito o ecommerce con strategie classiche del game design.

Alessandro +39 339 579 29 34
Anna +39 338 677 29 27
[email protected]
[email protected]

©2024 WAY | web agency. Tutti i diritti riservati. WAY s.r.l. Sede legale via di Macchia Saponara, 48 – 00125 Roma

CF/P.IVA 13351091007 | Rea RM – 1440712 | Cap. Soc. 10.000 | Privacy policyCookie policy